Da villa confiscata a Bike Hostel come nasce il progetto Gabanel - itVerona

itVerona

ASSOCIAZIONI INTERVISTE STORIE

Da villa confiscata a Bike Hostel come nasce il progetto Gabanel

Progetto Gabanel

Sembra il lieto fine di una favola. Una villa confiscata alla malavita da ormai vent’anni sta per diventare un ostello per bici. Non si tratta di un comune ostello dunque, ma di una struttura che promuove una mobilità eco-sostenibile unendo al contempo progetti di inclusione sociale. Nella realizzazione del progetto Gabanel sono coinvolti diversi giovani NEET del territorio che avranno la possibilità in questo modo di essere inseriti nel mondo del lavoro. 

Non solo. Villa Gabanel diventerà un punto di riferimento fondamentale anche per la formazione in quanto ospiterà in futuro anche diversi eventi e workshop. Ad occuparsi del progetto sarà la coop. sociale Hermete che ha ricevuto dal comune di Bussolengo la villa in comodato d’uso per i prossimo 18 anni. Ho intervistato Simone Perina, presidente della cooperativa sociale Hermete che ci parlerà di come ha preso vita il progetto e quale sarà il suo impatto a livello sociale. 

Progetto Gabanel – Intervista a Simone Perina della coop. sociale Hermete

presentazione del progetto Gabanel

Ciao Simone, grazie per l’intervista e benvenuto su itVerona. Il progetto Gabanel nasce da una villa che era stata confiscata ormai vent’anni fa dalla malavita. Mi racconti com’è nato questo progetto? Quali sono le sue finalità? 

Il progetto nasce da un duplice obiettivo: quello di avere uno spazio di ospitare scambi europei, gruppi in formazione e uno spazio che fosse un cantiere aperto, una sorta di punto di partenza di nuovi progetti e quello di inserire i ragazzi che seguiamo in un ambiente lavorativo. 

Le cose si combinano quando veniamo a conoscenza della villa del Gabanel di proprietà del Comune di Bussolengo. La proposta di fare rigenerare lo spazio in un bike hostel nel quale potessero essere inseriti lavorativamente dei giovani Neet e successivamente accompagnati nel loro percorso di vita ,è piaciuta in primis all’amministrazione precedente e successivamente a quella attuale. La casa sarà a nostra disposizione per 18 anni.

Progetto Gabanel – una campagna di Crowdfunding per sostenere sostenere l’iniziativa

Come cooperativa avete lanciato una campagna di Crowdfunding che mira a raggiungere i fondi necessari per completare questo progetto. Quali sono gli obiettivi che vi siete prefissati? 

L’investimento per sistemare il bene pubblico è importante. Abbiamo acceso un mutuo ma per una serie di imprevisti il tempo di rientro dell’investimento si è allungato e pertanto siamo ricorsi ad una campagna di fundraising. L’obiettivo è di raggiungere 30mila euro. Non è facile, ma ci proviamo. Serve l’aiuto di tante persone per ridare vita a questo bene pubblico

Da Bike Hostel a progetto di inclusione sociale

Progetto Gabanel Realizzazione Della Struttura In Corso - foto da Facebook
progetto Gabanel – realizzazione della struttura in corso – foto dalla pagina Facebook del progetto

Il progetto Gabanel oltre che proporre un modello ecosostenibile è soprattutto inclusione sociale. Nei lavori di realizzazione sono stati coinvolti molti giovani del territorio NEET. Qual è la sfida più grande? 

La sfida più grande è quella di raggiungere i risultati che ci siamo prefissati come cooperativa sociale e cioè di “sbloccare-orientare-accompagnare” almeno una decina di ragazzi all’anno. Il Gabanel è il “progetto ponte” con il quale i ragazzi transiteranno da una situazione di blocco ad progetti per cui valga la pena svegliarsi la mattina, con dei sogni da realizzare.

Un progetto a tutto tondo

Gabanel promette di diventare un punto di riferimento per i giovani del territorio e non solo. Verranno infatti proposti in futuro eventi, workshop, spazi dedicati alle associazioni e molto altro. Possiamo parlare dunque in questo senso di un progetto di inclusione sociale a tutto tondo? 

Il Gabanel ha tante potenzialità. Il seminterrato è stato convertito e adibito a sala formazione in grado di ospitare workshop e eventi. Uno spazio di attivazione culturale e sociale. Un luogo stimolante per far nascere nuove idee e progetti.

Appello a sostenere il progetto

Terminiamo questa nostra intervista tornando al tema del Crowdfunding. Vorresti lasciare un messaggio per tutte quelle persone che potrebbero sostenere questo bellissimo progetto? 

Investire nel Gabanel, seppur anche con poche decine di euro, significa credere in un progetto della durata di almeno 18 anni. Un progetto di innovazione sociale e di apertura territoriale. Chiunque viva nel nostro territorio ha l’interesse si sostenere il Gabanel perchè sta sostenendo i giovani di oggi e quelli di domani. IO STO CON GABANEL!

Da villa confiscata a Bike Hostel come nasce il progetto Gabanel ultima modifica: 2020-11-06T10:39:09+01:00 da Valentina Mericio

Commenti

To Top