I VERONESI RACCONTANO VERONA

itVerona

COSA FACCIAMO COSA FARE EVENTI TRADIZIONI

Verona si prepara al 490° venardì gnocolar

Venardì gnocolar Locandina

Il carnevale di Verona è uno dei più antichi d’Italia ed è uno degli eventi più attesi della città scaligera. Infatti tra il gennaio e il maggio di ogni anno il Comune di Verona e il comitato del carnevale organizzano manifestazioni e incontri su tutto il territorio per celebrare questa tradizionale festa, che culmina con il “venardì gnocolar”.

Carnevale, origine e significato

Il carnevale è una festa diffusa in tutto il mondo, soprattutto in Italia. L’origine del nome è incerta e discussa. Probabilmente deriva dal termine latino “carne levare”, ovvero “eliminare la carne”, a indicare il periodo di digiuno durante la Quaresima. Celebrazioni simili erano già presenti ai tempi dei romani, i Saturnali, dove veniva momentaneamente sospeso l’ordine costituito e si lasciava spazio al rovesciamento dei ruoli sociali. Non è un caso che al Carnevale si associa la frase latina “semel in anno licet insanire”, una volta l’anno è lecito impazzire. Anche con il cristianesimo la celebrazione del carnevale non venne abolita. Anzi l’introduzione delle maschere che coprivano i volti permetteva di non distinguere per le strade i nobili dai poveri, tutti insieme a mangiare e ballare in una temporanea interruzione della divisione di classe.

venardì gnocolar Carnevale Verona

Il Venardì Gnocolar

La mancanza di una barriera tra ricchi e poveri è però sempre stata un’illusione. Lo sanno bene i veronesi, che devono a una particolare situazione di povertà l’origine della festa “venerdì gnocolar”. Nel XVI secolo una terribile carestia colpì Verona. La mancanza di risorse monetarie portò i fornai, già in difficoltà a causa delle scarse materie prime, a bloccare la produzione e la vendita del pane. Il quartiere più povero della città, San Zeno, insorse. Solo l’intervento di alcuni cittadini e di un ricco medico, Tomaso da Vico, riuscì a bloccare la rivolta. Da Vico lasciò nel suo testamento l’obbligo di distribuire viveri alla popolazione nel venerdì precedente la Quaresima. In particolare, i cittadini cucinavano gli gnocchi, piatto facile da preparare e diffuso tra la popolazione povera, e li servivano su una pietra davanti alla Basilica di San Zeno. Da questo evento l’istituzione del “venerdì gnocolar”.

venardì gnocolar Carnevale

Il papà del Gnoco & co.

In ricordo del benefattore gli abitanti crearono una maschera, ormai simbolo del carnevale veronese, il Papà del Gnoco. Ogni anno in città, dopo una vera e propria campagna elettorale, i cittadini eleggono la persona che indosserà questa maschera per tutto il periodo del carnevale. In realtà ogni quartiere di Verona ha una sua maschera particolare. Tra le più importanti va ricordata quella del Duca della Pignata, che prende il nome da un personaggio realmente esistito nell’Ottocento, Siro Zuliani. Questi era un uomo di umili origini che però era solito distribuire soldi ai cittadini che incontrava per strada. Da lì nacque la leggenda che Zuliani avesse trovato in cantina una pentola piena d’oro. Molte altre invece ricordano la storia e i mestieri della Verona antica. Nel quartiere di Veronetta la maschera simbolo è quella di Simeon de l’Isolo, un traghettatore che portava merci da una sponda all’altra dell’Adige.

Carro con Greta Thunberg

Eventi in programma prima e dopo il venardì gnocolar

Gli eventi in programma a Verona e in provincia sono moltissimi, iniziano a gennaio di ogni anno e terminano a maggio. Oltre alle sfilate, che hanno luogo nei diversi quartieri di Verona, ci sono anche altre manifestazioni. Venerdì 14 febbraio il Papà del Gnoco incontrerà alla Gran Guardia i ragazzi delle scuole. Ci saranno feste in maschera, oltre all’allestimento del villaggio di carnevale nel quartiere di San Zeno dal 15 al 24 febbraio. L’evento più atteso è però quello del 21 febbraio, ovvero il “venerdì gnocolar” che inizierà alle 10.30 con la “grande gnocolada” e proseguirà alle 13.45 con la filata dei carri. Da segnalare domenica 23 febbraio la rievocazione della storica cavalcata di Tomaso da Vico da Corso Cavour a San Zeno. Il programma termina il 30 maggio, con una sfilata notturna. Qui il calendario degli eventi.

Immagini dalla pagina Facebook del Comitato Carnevale Bacanal del Gnoco

Verona si prepara al 490° venardì gnocolar ultima modifica: 2020-02-14T10:30:26+01:00 da Martina Pozzerle
To Top