EDIFICI STORICI SPORT

Lo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona

Stadio Marcantonio Bentegodi Esterno

Descritto come una delle strutture più belle d’Italia, lo stadio Marcantonio Bentegodi il prossimo 15 dicembre compirà la bellezza di cinquantasei anni. Con quasi quarantamila posti complessivi, l’impianto di Verona è l’ottavo per capienza del nostro Paese.

Lo stadio dei quarantamila

Il progetto dello stadio Marcantonio Bentegodi fu opera dell’ingegner Leopoldo Baruchello. La sua inaugurazione avvenne nella nuova location di Piazza Olimpia il 15 dicembre 1963. Andò a sostituire la struttura omonima che si trovava nella zona di piazza Cittadella. Grazie all’innovativa soluzione ingegneristica adottata, con tre ordini di scalinate sovrapposte, lo stadio è il primo impianto parzialmente coperto del Belpaese. Come molti dei nostri stadi, fu dotato di una pista di atletica a otto corsie. Il vecchio tracciato venne sostituito da uno nuovo in asfalto, dipinto con i colori giallo e blu, nel 2010.

Stadio Marcantonio Bentegodi
L’impianto durante una partita di calcio del Chievo Verona. Foto di El passs on the Italian Wikipedia, licenza CC BY-SA 3.0

Lo stadio dei quarantamila, così soprannominato per via della sua capienza, è la sede degli incontri casalinghi delle due maggiori squadre della città, l’Hellas Verona e il Chievo Verona. In un’occasione, inoltre, ha ospitato anche un’importante match del terzo club cittadino. La Virtus Verona, il 6 aprile 2014, disputò qui, infatti, una partita di Lega Pro con l’Alessandria. Di forma ellittica, sul modello di un anfiteatro romano, inoltre, ha ospitato altri eventi di prestigio come alcune partite della squadra di calcio femminile del Bardolino Verona, alcuni match di rugby, manifestazioni di atletica leggera e, talvolta, anche concerti musicali.

Lo stadio Marcantonio Bentegodi fu teatro dello storico scudetto dell’Hellas di Bagnoli

La capienza dello stadio Marcantonio Bentegodi di Verona, intitolato a uno storico benefattore scaligero del secolo scorso, è variata nel corso degli anni. La città, infatti, aveva bisogno di uno stadio più moderno e capiente del vecchio Bentegodi, inaugurato nel 1910. La sua capienza attuale è di 42.160 posti, ma non tutto l’impianto risulta omologato. Basti pensare che il record di affluenza, registrato in un Verona – Roma del 23 gennaio 1983, va ben oltre questi numeri. Quel giorno, infatti, gli spettatori furono ben 47 896. I lavori per la costruzione del terzo anello e della copertura, programmati in vista dei Mondiali di Italia 1990, partirono dopo la storica conquista del primo e unico scudetto dell’Hellas Verona. In questa occasione non ci fu una significativa variazione dei posti, ma si provvide all’installazione di seggiolini numerati e all’allargamento dei percorsi di fuga.

Lo Stadio Bentegodi Poco Dopo La Sua Costruzione
Lo stadio Bentegodi poco dopo la sua costruzione. Autore sconosciuto su http://www.skyscrapercity.com, Pubblico dominio

Come accade per molti derby cittadini, le due tifoserie si sono equamente divise le curve dell’impianto. La curva Sud è storicamente riservata ai tifosi dell’Hellas, mentre dalla stagione 2015-16 la curva Nord è la dimora dei supporters del Chievo, società arrivata a grandi livelli solo negli ultimi vent’anni.
Lo stadio Marcantonio Bentegodi possiede, inoltre, anche un altro primato. Grazie all’impianto fotovoltaico del valore di quattro milioni di euro (13.328 pannelli), il più grande realizzato per una struttura sportiva, installato nel 2009, la struttura veronese è il primo impianto a energia solare d’Italia.

Foto di copertina di Nehme1499, licenza CC BY-SA 4.0

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.
Lo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona ultima modifica: 2019-11-19T09:50:14+01:00 da Luigi Bove

Commenti

To Top