I VERONESI RACCONTANO VERONA

itVerona

CONSIGLI UTILI COSA FARE

Coronavirus, come difenderci dalla malattia e dalla paura

Uomo Con La Maschera

Nelle ultime settimane il tema “coronavirus” ha regnato sovrano nei media, nei discorsi politici e, perché no, anche nelle chiacchiere dei comuni cittadini. Cerchiamo, però, di fare il punto della situazione, riassumendo brevemente i numeri del contagio e i metodi che abbiamo per difenderci non solo dalla malattia ma anche dalla paura.

Dalla Cina all’Italia

A fine dicembre 2019 la Cina ha rilevato nella provincia di Hubei un numero considerevole di persone malate di polmonite. Gli esperti, però, non erano in grado di capire la ragione del contagio. Solo il mese successivo, il 20 gennaio 2020, le autorità hanno confermato che la trasmissione avviene da uomo a uomo. Ormai il virus aveva superato i confini nazionali. I media hanno seguito da vicino la notizia, riprendendo la costruzione lampo dell’ospedale di Wuhan e seguendo gli sviluppi dei possibili casi fuori dal paese asiatico. A inizio febbraio sono stati individuati i primi contagi in Europa. Il coronavirus ha, purtroppo, colpito soprattutto il nostro paese, Lombardia e Veneto in primis.

Diamo i numeri del Coronavirus

Il numero dei contagiati a livello mondiale è di circa 80 mila persone, in più di 30 paesi diversi. La maggior parte, però, si trova in Cina, con oltre 70 mila infetti e un numero di decessi che supera le 2 mila unità. In un mondo sempre più globalizzato era difficile non prevedere uno sconfinamento del virus.

Coronavirus Protezione Civile
Volontari della protezione civile effettuano controlli all’aeroporto di Bologna.
Autore: Dipartimento Protezione Civile. Licenza: CC BY 2.0

Il secondo paese più colpito è la Corea del Sud, con oltre 600 malati e 6 decessi. Sorprendentemente al terzo posto risulta il nostro paese, ben lontano dalla zona interessata ma legata a essa a livello turistico, commerciale e migratorio. Sono stati registrati più di 200 contagi, di cui 35 in Veneto, e 7 morti, tutti in età avanzata e con già precarie condizioni di salute. Il numero preoccupante di infetti ha portato le regioni più colpite a prendere decisioni drastiche: temporanea chiusura delle scuole, delle università, dei luoghi pubblici, divieto di manifestazioni pubbliche di qualsiasi natura. Inoltre, la regione Veneto ha istituito un numero verde 800 462340 per chiedere informazioni e segnalare la presenza di sintomi. A questo si aggiunge il numero istituito dal Ministero della Salute, 1500.

Tasso di mortalità

Anche se i numeri appaiono allarmanti e non si è trovato ancora un vaccino, bisogna ricordare che sono più di 20 mila i cinesi guariti dalla malattia. La mortalità è molto più bassa rispetto alla Sars, che colpì sempre la Cina tra il 2002 e il 2003. Questa aveva un tasso di mortalità pari al 10%, contro poco più del 2% del coronavirus. La maggior parte dei casi registrati sono stati considerati di lieve entità, solo il 14% è stato definito grave, e ancora meno, circa il 4%, è stato ritenuto critico. I fattori più rilevanti che determinano l’acuirsi del virus sono l’età del paziente e l’essere soggetti ad altri problemi di salute.

Governo Italiano
Una task force straordinaria del governo italiano per far fronte al coronavirus.
Autore: Governo Italiano. Licenza: CC BY 3.0

Come difendersi dal Coronavirus

Secondo le norme ministeriali diffuse negli ultimi giorni si suggerisce di prestare molta attenzione all’igiene e di rivolgersi alle autorità di competenza in caso si sospettasse di avere sintomi. Altro aspetto fondamentale è non farsi prendere dall’isteria. Nell’ultima settimana cittadini terrorizzati hanno preso d’assalto farmacie e supermercati. La paura è comprensibile, ma si deve ricordare che il panico non aiuta a limitare il problema. Il paese sta seguendo meticolosamente sia i malati sia la diffusione del virus. A questo si aggiunge il lavoro instancabile dei medici e del personale sanitario, in prima linea in questa battaglia. Una malattia che spaventa, quindi, ma che le autorità stanno monitorando con la dovuta attenzione.

Coronavirus, come difenderci dalla malattia e dalla paura ultima modifica: 2020-02-25T09:57:25+01:00 da Martina Pozzerle
To Top